NOVUS OFFICINA CULTRIS
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Il mio terzo serramanico
Dom Nov 05, 2017 12:21 pm Da Crono

» 5° Edizione ISTA FAIR all'Altana del Motto Rosso Gattico (NO)
Lun Ott 09, 2017 5:27 pm Da doriano

» Centro Arcieristico Altana Del Motto Rosso
Dom Ott 08, 2017 10:07 am Da doriano

» 4° Edizione ISTA FAIR all'Altana del Motto Rosso Gattico (NO)
Dom Ott 08, 2017 10:04 am Da doriano

» kydex e attrezzatura
Ven Dic 30, 2016 5:26 pm Da manuel77

» INCISIONI "PUNTA E MARTELLO"
Ven Ott 14, 2016 7:22 pm Da etabeta47

» From Hammer to Axe
Mer Set 28, 2016 1:48 pm Da Jarl Mathan

» Evil brut de forge
Mer Set 28, 2016 1:44 pm Da Jarl Mathan

» Hunting Knife
Mer Set 28, 2016 1:39 pm Da Jarl Mathan

Chi è in linea
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 28 il Gio Nov 06, 2014 12:13 pm
I postatori più attivi del mese

I postatori più attivi della settimana

Dicembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Calendario Calendario


ABC dei trattamenti termici

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

ABC dei trattamenti termici

Messaggio Da doriano il Ven Feb 20, 2015 5:58 am

Comincio oggi a trattare in modo approfondito la teoria dei trattamenti termici, l'argomento e lungo quindi lo trascrivo poco alla volta, i documenti di riferimento sono reperiti in rete e pubblici, il primo e "Trattamenti termici Filippi" è spiegato bene e, cosa importante, in italiano.
Precisazione e premessa ; questa e la teoria che serve a capire cosa succede durante i trattamenti ed a conoscere tutti i procedimenti, ovviamente poi la teoria e applicabile ai vari tipi di acciai seguendo i datasheet specifici per ogni lega, così come anche i tipi di trattamento variano da acciaio ad acciaio.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------
                                                             "Trattamenti termici Filippi
CURVE DI BAIN
Le strutture che appaiono nel diagramma Fe-C sono ottenute in seguito a raffreddamenti molto lenti. Quando i raffreddamenti sono di tipo diverso, si ottengono via via strutture non previste nel suddetto diagramma, variabili con la velocità di raffreddamento.
Le curve di Bain, dal nome dello studioso americano Bain che le ha studiate, offrono la possibilità di individuare le varie strutture che si possono ottenere partendo dall’austenite con varie velocità di raffreddamento. Le suddette curve sono ottenute sperimentalmente e vengono riportate in un sistema di assi cartesiani nel quale in ascissa abbiamo i tempi e in ordinata le temperature.
Si possono distinguere due tipi di curve:
1.Curve di Bain TTT (tempi, temperature, trasformazioni). Ottenute in seguito a      trasformazioni isotermiche;
2.Curve di Bain TRC (trasformazione a raffreddamento continuo). Ottenute per trasformazione anisotermica.
1.La trasformazione è detta isotermica perché i campioni studiati vengono lasciati per un certo tempo in un mezzo raffreddante ove la temperatura si mantiene costante (es.bagno di sali).
2.La trasformazione è detta anisotermica perché i campioni studiati vengono raffreddati in modo continuo (es.acqua).

Curve di Bain TTT per un acciaio eutettoide
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Variando la velocità di raffreddamento, si ottengono diverse curve che possono attraversare le curve di Bain. Aumentando la velocità di raffreddamento queste curve si avvicinano all’asse delle temperature. Nell’attraversare le curve di Bain, le curve di raffreddamento subiscono una deviazione perché, avendo l’origine di una nuova struttura, viene rallentata la variazione della temperatura in funzione del tempo per lo sviluppo di calore di trasformazione che si oppone al raffreddamento.
1. Raffreddamento molto lento:
Y  T=700°C- Si ha la completa trasformazione dell’austenite in perlite lamellare grossolana e molto tenera (HRC=5; HB=300; R=900 N/mm2; A=15%).
Y  T=600°C-Si ha perlite fine più dura (HRC=30).
2. Raffreddamento lento:
Y  T=500°C-Si ha la completa trasformazione dell’austenite in troostite simile a perlite estremamente fine, quasi puntiforme, più dura (HRC=42). Presenta fragilità, quindi si deve evitare, o si può avere anche una struttura mista di perlite e troostite.
Y  T<500°C e>Ms- La trasformazione isotermica dell’austenite origina strutture di forma aciculare (ad aghi), dette bainiti. Queste, costituite da ferrite molto tenace e da cementite, posseggono duttilità, buona resistenza a trazione;
si ha: Bainite superiore (HRC=45) a T=400°C Bainite inferiore (HRC=54) a T=300°C
3. Raffreddamento rapido:
Y  Si ha la parziale trasformazione dell’austenite in troostite. L’austenite residua si trasforma in martensite tra Ms e Mf.
4. Raffreddamento molto rapido :
Y  Si ha la trasformazione diretta dell’austenite in martensite, senza comparsa di strutture intermedie si ha la massima durezza (HRC=65). La martensite si presenta sotto forma di cristalli aciculari (ad aghi).


Velocità critica di tempra
Con la velocità di raffreddamento, indicata sulle curve di Bain TTT per un acciaio eutettoide con il colore rosso, e con qualsiasi altra velocità di raffreddamento maggiore (ma non minore) si ottiene la trasformazione di tutta l’austenite in martensite. Questa velocità viene chiamata velocità critica superiore di raffreddamento o, più semplicemente, velocità critica.

Curve di Bain TTT per un acciaio non eutettoide
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Curve di Bain TRC per un acciaio non eutettoide
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
In questo grafico a causa del raffreddamento continuo le curve di Bain TRC sono più spostate verso destra e più basse rispetto alle curve di Bain TTT. La trasformazione avviene perciò in tempi più lunghi e a temperature più basse. Ritenendo valide le curve TTT con un raffreddamento rapido si ha una struttura martensitica, mentre con un raffreddamento meno rapido si ha bainite con martensite. Le curve di     Bain TTT non danno quindi la garanzia sulle strutture finali quando i raffreddamenti sono continui.


Influenza degli elementi leganti
L’aggiunta di tutti gli elementi, salvo il cobalto, sposta a destra le curve di Bain e quindi diminuisce la velocità critica di tempra. Sono detti autotempranti gli acciai fortemente legati. Inoltre più carbonio è presente maggiore è l’ostacolo alla trasformazione di austenite in martensite, che quindi avviene in tempi maggiori a temperature più basse. Lo stesso effetto lo fa anche il mezzo raffreddante.


Influenza del grano austenitico
L’aumento della grossezza del grano austenitico ritarda l’inizio della trasformazione dell’austenite, spostando verso destra le curve di Bain.
Quindi gli acciai a grana grossa sono più temprabili di quelli a grana fine.

TRATTAMENTI TERMICI

Dalla tabella UNI 3354-70

Trattamento termico è il ciclo termico o il complesso di cicli termici e quindi di operazioni di riscaldamento di permanenza a temperature determinate e di raffreddamento più o meno lento o rapido nell’eventuale presenza di particolari mezzi o ambienti, che vengono eseguite su una determinata lega metallica allo scopo di conferire a tutto il materiale o a parte di esso, come ad esempio gli strati superficiali, particolari caratteristiche meccaniche e tecnologiche adatte al suo impiego.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
FORNI:
I forni per trattamenti termici possono essere riscaldati A NAFTA, A GAS, o per mezzo DELL’ELETTRICITA’:

Oggi sono più impiegati i forni a riscaldamento elettrico che hanno i seguenti vantaggi:

Minor ingombro ;
Miglior regolazione della temperatura ;

Forni a muffola
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Svantaggi:
La presenza dell’aria, all’interno del forno, provoca l’ossidazione e la decarburazione del pezzo, a ciò si ovvia introducendo carbone di legna o grafite, che brucia togliendo l’ossigeno all’aria.

Forni a bagni di sale:
I pezzi vengono riscaldati tenendoli immersi in un bagno di sali fusi che, successivamente, verrà portato alla temperatura occorrente per eseguire il trattamento (mediante bruciatori a nafta o gas all’esterno, o mediante resistenze elettriche interne alla muratura... )
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Vantaggi,
maggior velocità di riscaldamento;
uniformità di riscaldamento;
esattezza della temperatura;
minor deformazione del pezzo;
protezione dall’azione ossidante o decarburante dell’aria;
possibilità di riscaldare solo un’estremità del pezzo, immergendolo parzialmente;

Forno ad atmosfera controllata:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Il gas, spinto dal ventilatore, percorre l’intercapedine tra storta e cestello, si riscalda al contatto con le pareti calde della storta, quindi attraversa il fondo del cestello ed investe i pezzi contenuti.
Il gas che esce dalla valvola (6) e viene rimesso in circolazione dopo il controllo della sua composizione.

INFLUENZA DEL MEZZO RAFFREDDANTE:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Sono rappresentate le curve di raffreddamento relative alla zona esterna e quella interna di un tondino d’acciaio raffreddato in mezzi diversi.

1. RAFFREDDAMENTO IN ACQUA:

quando la zona esterna del pezzo è tutta trasformata in martensite, la zona interna non ha ancora iniziato la trasformazione.

Molte tensioni interne, notevoli trasformazioni e rotture
( a causa dell’aumento di volume della parte interna durante la trasformazione )

2. RAFFREDDAMENTO IN OLIO:

quando l’esterno del pezzo è completamente trasformato in martensite, l’interno ha già iniziato la trasformazione.


Tensioni interne più piccole, minor pericolo di deformazione del pezzo.

3. RAFFREDDAMENTO IN BAGNO DI SALE:

col raffreddamento in un bagno di sale a temperatura leggermente superiore a quella d’inizio formazione della martensite, ( TEMPRA TERMALE ) si ottiene l’uniforme distribuzione della temperatura nel pezzo, cosicché l’interno e l’esterno attraversano l’intervallo martensitico quasi contemporaneamente.

Le tensioni interne vengono ridotte al minimo ( quasi nulle )

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI:

B.1. TEMPRA:
-Aumenta la durezza degli acciai;
-Conferisce agli acciai la struttura denominata MARTENSITE ( soluzione solida interstiziale sovrassatura di carbonio nel ferro α )

LE CONDIZIONI PER OTTENERE LA MARTENSITE SONO:

1. Riscaldamento lento fino alla temperatura cui si ha la temperatura austenitica. Normalmente tale temperatura supera di 40°-50° la curva A3 nel caso di acciai ipoeutettoidi ( C<0.87% ) e supera di 40°-50° la curva A1 nel caso di acciai ipereutettoidi ( 0.87< C < 2.06% ).

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

(E’ sufficiente trasformare in Austenite tutta la perlite, lasciando la cementite inalterata).

2. Permanenza a tale temperatura per il tempo necessario ad ottenere anche negli strati interni la struttura austenitica ( soluzione solida di carburo di ferro nel ferro γ ).

3. Raffreddamento rapido ad una velocità superiore a quella critica. L’acciaio così assume la massima durezza.

Il reticolo cristallino a facce centrate ( fe γ ) si trasforma in un reticolo a corpo centrato ( fe α ),
ma gli atomi di carbonio che erano nell’interno non fanno in tempo ad uscire dal reticolo a causa della rapidità del raffreddamento, provoca così tensioni interne che deformano il reticolo stesso e creano un ostacolo allo scorrimento dei cristalli ; di conseguenza aumenta la resistenza a trazione e la durezza dell’acciaio.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Dopo la trasformazione C.F.C. → C.C.C. gli atomi di carbonio rimangono imprigionati nel reticolo, occupando però il centro delle facce opposte. Il reticolo cristallino risulta deformato fino a formare tetraedri. Al microscopio compare una caratteristica struttura aciculare (ad aghi) con direzioni preferenziali orientate tra loro a 60°.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Temperatura di inizio trasformazione della Martensite
C ≤ 0,10% Ms * 500°C
C = 0,87% Ms * 220°C
C > 1,1% Ms ≤ 150°C
Temperature di fine trasformazione della Martensite
Acciai al carbonio Mf * 50 -:-70°C
Acciai complessi Mf * 70°C sotto zero (perché gli elementi leganti fanno rimanere stabile
l’austenite fino a temperatura ambiente).

La temperatura a cui compare la Martensite dipende dalla composizione dell’acciaio. Per l’acciaio al carbonio è inversamente proporzionale al tenore di carbonio presente.

METODI DI TEMPRA

La tempra diretta eseguita in un tempo solo, raffreddando bruscamente il pezzo, provoca eccessiva fragilità e pericolose tensioni interne che possono provocare rotture. L’inconveniente risulta diminuito effettuando una tempra isotermica o una tempra termale.


1) Tempra bainitica isotermica

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Per un acciaio eutettoide, il procedimento comprende:
Y  Riscaldamento per l’austenitizzazione completa a * 820°C.
Y  Raffreddamento rapido in bagno salino ad una temperatura di * 350°C.
Y  Permanenza a tale temperatura finché non si abbia la completa trasformazione dell’Austenite in Bainite.
Y  Raffreddamento più o meno rapido fino a temperatura ordinaria.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Il diagramma sopra rappresenta la tempra bainitica isotermica sulle curve di Bain nel caso di acciai non eutettoidi.
La tempra Bainitica si esegue su pezzi soggetti a distorsioni o rotture se trattati con la tempra diretta (molle,anelli cuscinetti, ecc…). La resilienza che si ottiene è più elevata rispetto a quella ottenuta con le altre tempre.

2) Tempra termale o differita martensitica

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Y  Si riscaldano i pezzi in un bagno di sali fino ad ottenere la completa austenitizzazione.
Y  Si immergono i pezzi in un bagno di sali a basso punto di fusione a temperatura leggermente superiore a quella di inizio formazione della Martensite (Ms).
I pezzi vengono lasciati nel bagno per il tempo necessario affinché la temperatura si distribuisca uniformemente in tutte le parti, non di più altrimenti si ricade nella tempra isotermica, con formazione di Bainite, e durezza inferiore.
Y  Si estraggono i pezzi dal bagno e se ne completa il raffreddamento in un mezzo qualsiasi.

La tempra termale è indicata per pezzi lunghi e sottili. Infatti la permanenza nel bagno di sali non deve essere lunga, e nel pezzo sottile si riesce in breve tempo ad avere una distribuzione uniforme della temperatura tra esterno e interno durante la sosta nel bagno di sali.

3) Tempra superficiale (spessori molto piccoli 0,1-:-3 mm)

Ha lo scopo di indurire superficialmente il pezzo mantenendo tenace l’interno.
Y  Al cannello: il riscaldamento viene effettuato con fiamma ossiacetilenica carburante. Dopo si effettua un raffreddamento in acqua o olio (metodo economico, ma poco controllabile per la temperatura).
Y  Ad induzione: il riscaldamento è dovuto ad un campo elettromagnetico alternato ad alta frequenza per mezzo di una bobina di rame che avvolge il pezzo senza toccarlo.

RINVENIMENTO
Il rinvenimento è un trattamento termico che viene effettuato dopo la tempra e ha lo scopo di attenuare gli effetti della tempra, cioè ridurre la fragilità e le tensioni interne. Però l’aumento di tenacità porta alla diminuzione della durezza.
In particolare se la temperatura di rinvenimento è di 100-:-200°C si parla di Distensione che porta a:

Y Riduzioni delle tensioni;
Y  Aumento della tenacità (senza diminuire in modo sensibile la durezza).


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Mentre la tempra seguita da un rinvenimento a temperatura di 550600°C prende il nome di Bonifica

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Quindi questo trattamento termico consiste in:
Y  Riscaldamento lento in forno a una temperatura che varia a seconda dei risultati che si vogliono ottenere.
Y  Permanenza a tale temperatura per un tempo dipendente dalle dimensioni del pezzo. In genere per gli acciai a medio tenore di carbonio, la durata del rinvenimento varia da 10 a 40 minuti.
Y  Raffreddamento fino a temperatura ambiente in forno, aria calma, olio o acqua.


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Strutture dal rinvenimento

Dopo aver effettuato il rinvenimento possiamo avere due strutture:

Y  Martensite rinvenuta: quando la temperatura di rinvenimento è minore di 300°C.
Y  Sorbite: quando la temperatura di rinvenimento è superiore a 500°C (ma < 721°C).
Per effetto del riscaldamento, la martensite si decompone in cementite e ferrite; in un primo momento la cementite precipita sotto forma di minutissime particelle nella matrice ferritica; poi, aumentando la temperatura oltre i 400°C le particelle si coagulano e si ingrandiscono assumendo l’aspetto di globuletti a contorno irregolare.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

RICOTTURA
La ricottura è un trattamento termico che ha lo scopo di addolcire i materiali metallici e renderli più facilmente lavorabili alle macchine utensili e per deformazioni plastiche a freddo.
Inoltre:

Y  annulla gli effetti della tempra;
Y  omogeinizza la struttura degli acciai dopo una lavorazione a caldo ;
Y  rigenera i cristalli lesionati da lavorazioni a freddo (incrudimento).

Il processo di ricottura completa consiste in:

Y  Riscaldamento lento ad una temperatura superiore di 50-:-60°C rispetto a quella cui si ha la struttura austenitica.
Y  Permanenza a tale temperatura perché tutto il pezzo abbia assunto una struttura austenitica.
Y  Raffreddamento lentissimo in forno fino alla temperatura di 721°C (cioè nell’intervallo in cui avvengono le trasformazioni strutturali), poi un raffreddamento veloce fino a temperatura ambiente.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

NORMALIZZAZIONE
La normalizzazione è un trattamento termico il cui scopo è di affinare ed omogeneizzare il grano degli acciai dopo la fucinatura o altri trattamenti a caldo (stampaggio,laminazione..) che appunto provocano un ingrossamento del grano e, quindi, fragilità. Il trattamento è identico a quello della ricottura completa per quanto riguarda il riscaldamento; infatti il raffreddamento avviene completamente in aria tranquilla per cui la durezza e la resistenza saranno maggiori che non nella ricottura.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

La struttura ottenuta è però più fine e più omogenea. Se tale trattamento si effettua sugli acciai legati autotempranti si ha un effetto di tempra.

Curve di raffreddamento sulle curve di Bain per un acciaio ipoeutettoide nel caso di ricottura completa e di normalizzazione.

STABILIZZAZIONE
E’ un trattamento che viene effettuato per trasformare l’eventuale austenite residua, presente nel pezzo, la quale si ottiene dopo un trattamento termico di tempra diretta. Infatti quando raffreddiamo molto rapidamente il pezzo, può succedere che l’austenite non ha il tempo necessario per trasformarsi tutta in martensite; per questo l’austenite che rimane viene detta residua. Però col tempo questa austenite aumenta di volume dilatando il pezzo e quindi compromettendone la funzionalità (pensiamo a blocchetti piano paralleli, perché diventa assurdo pensare a un cambiamento delle loro dimensioni).
Questo trattamento consiste nell’immergere il pezzo nell’azoto liquido a 80°C sotto lo zero dopo aver eseguito i trattamenti termici di tempra e di rinvenimento di bonifica.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DI DIFFUSIONE ( o indurimento superficiale )
Scopo di questi trattamenti è di modificare la composizione chimica degli strati superficiali di pezzi meccanici ( e quindi anche le proprietà meccaniche e tecnologiche di tali strati ) facendo assorbire loro, portandoli ad adatte temperature, elementi chimici con cui hanno affinità: carbonio, azoto, zolfo… .

Es.: Una ruota dentata si può costruire in acciaio dolce, tenace in tutta la massa per resistere agli urti e sforzi; per poi indurirla superficialmente per dar modo ai denti, soggetti a logorio, di resistere all’usura.

CARBOCEMENTAZIONE ( UNI 5381 )

Questo trattamento termico consiste in:
Y  Riscaldamento lento in forno ad una temperatura di circa 850 -:-950°C;
Y  Permanenza in forno per un certo tempo, che varia in base al mezzo utilizzato;
Y  Raffreddamento del pezzo in un mezzo qualsiasi.
Si effettua su acciai con basso tenore di carbonio (C ≤ 0.20%). Mezzi : cementi solidi, liquidi, gassosi.
Velocità di penetrazione :
 solido 0.1-:-0.2 (mm/h)
liquido  0.3-:-0.4 (mm/h)
gas 1 (mm) in tre ore

Spessore di carbocementazione va da 0.2-:-2 (mm). Ottengo grande resistenza all’usura e mantenimento all’interno del pezzo della resilienza.

Durezza ottenibile : 62-:-65 HRC dopo tempra.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

TRATTAMENTO TERMICO DOPO LA CARBOCEMENTAZIONE SOLIDA

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Siccome il riscaldamento avviene lentamente, i pezzi presentano, dopo la carbocementazione, una struttura cristallina a grano ingrossato. Conviene quindi eseguire una tempra di affinazione da 900°C per ottenere un grano più fine e poi una tempra di durezza da circa 780°C. Dopo la tempra si effettua un rinvenimento di distensione a circa 150°C per attenuare le tensioni. Infine eseguo una rettifica per portare la ruota alle dimensioni stabilite. Per rettificare devo lasciare uno spessore in più che va
da 0.2-:-0.3 mm.

NITRURAZIONE ( UNI 5478 70 )

Questo trattamento può essere eseguito su qualsiasi tipo di acciaio e in particolare negli acciai legati con l’alluminio, perché quest’ultimo facilita l’assorbimento dell’azoto.

Questo trattamento termico consiste in:

Y  Riscaldamento in forno elettrico (atmosfera controllata ) a circa 500-:-600°C;
Y  I pezzi vengono sottoposti ad una lenta corrente di ammoniaca gassosa (Na3);
Y  Raffreddamento in un mezzo qualsiasi.

La velocità di penetrazione è di 0.1mm in 10 ore. Durezza ottenibile è di 72 HRC.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Durante l’esposizione del pezzo all’ammoniaca gassosa, l’assorbimento superficiale di questo elemento provoca la formazione di azzoturi o nitruri di ferro che provocano una distorsione del reticolo cristallino e quindi impartiscono grande durezza. Altra caratteristica fondamentale di questo trattamento e che il riscaldamento a una temperatura di 560-:-590°C, non modifica la struttura originale e non provoca ingrossamento della grana cristallina.
Quindi durante la nitrurazione i pezzi non subiscono né distorsioni né particolari variazioni dimensionali; per tanto dopo la nitrurazione non bisogna effettuare alcuna operazione di rettifica.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


fine
LINK per scaricare il file pdf 
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


Ultima modifica di doriano il Lun Feb 23, 2015 10:13 am, modificato 1 volta

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Doriano Giordanella
avatar
doriano
Admin
Admin

Messaggi : 530
Data d'iscrizione : 25.09.14
Età : 54
Località : Galliate -NO-

http://www.coltelloperpassione.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: ABC dei trattamenti termici

Messaggio Da Ospite il Sab Feb 21, 2015 9:25 pm

Fortissimo... seguo con attenzione e mi sa che stamperò tutto! Wink

elephant

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: ABC dei trattamenti termici

Messaggio Da doriano il Sab Feb 21, 2015 10:17 pm

ti do il pdf

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Doriano Giordanella
avatar
doriano
Admin
Admin

Messaggi : 530
Data d'iscrizione : 25.09.14
Età : 54
Località : Galliate -NO-

http://www.coltelloperpassione.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: ABC dei trattamenti termici

Messaggio Da Morphy il Lun Feb 23, 2015 8:30 am

Doriano è possibile avere un link al PDF così magari riesco a leggermelo con calma e ci capisco qualcosa... Mi sembra molto interessante...

_________________
Mauro Filippetto
avatar
Morphy
junior
junior

Messaggi : 17
Data d'iscrizione : 08.11.14
Età : 34
Località : Vicolungo

Tornare in alto Andare in basso

Re: ABC dei trattamenti termici

Messaggio Da doriano il Lun Feb 23, 2015 10:07 am

era già previsto, lo carico sul mio sito e metto il collegamento  Smile

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Doriano Giordanella
avatar
doriano
Admin
Admin

Messaggi : 530
Data d'iscrizione : 25.09.14
Età : 54
Località : Galliate -NO-

http://www.coltelloperpassione.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: ABC dei trattamenti termici

Messaggio Da doriano il Lun Feb 23, 2015 10:15 am

AGGIUNTO COLLEGAMENTO PER SCARICARE IL PDF
guardate alla fine del post principale

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Doriano Giordanella
avatar
doriano
Admin
Admin

Messaggi : 530
Data d'iscrizione : 25.09.14
Età : 54
Località : Galliate -NO-

http://www.coltelloperpassione.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: ABC dei trattamenti termici

Messaggio Da Morphy il Lun Feb 23, 2015 11:38 am

Grazie mille Doriano Very Happy

_________________
Mauro Filippetto
avatar
Morphy
junior
junior

Messaggi : 17
Data d'iscrizione : 08.11.14
Età : 34
Località : Vicolungo

Tornare in alto Andare in basso

Re: ABC dei trattamenti termici

Messaggio Da Ospite il Gio Mar 05, 2015 3:06 pm

Grazie mille, ottimo lavoro!!

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: ABC dei trattamenti termici

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum